Sei in CuboMagazine > LANCIA > A settembre due eventi internazionali per l’anniversario del brand Lancia

A settembre due eventi internazionali per l’anniversario del brand Lancia

Categoria: Eventi

Autore: Comunicato stampa Lancia - Pubblicato il 27.07.2006 - Letto 1367 volte

Lancia compie un secolo di vita

Lancia compie un secolo di vita, uno straordinario traguardo condiviso con un ristrettissimo numero di Case automobilistiche e per il quale il brand ha scelto di realizzare numerose iniziative. Tra queste ricordiamo due appuntamenti in programma la prima settimana di settembre: la “63esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica”, che vede la partecipazione della Lancia in qualità di Main Sponsor; e il “Lancia Club Turin International Meeting 2006”, una manifestazione che richiamerà a Torino oltre trecento vetture d’epoca Lancia provenienti da tutto il mondo.


Lancia è main sponsor della 63^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica

Lancia celebra quest’anno cento anni di vita. In un secolo la storica casa automobilistica si è costruita un’immagine di classe ed eleganza che ha reso famoso lo stile italiano in tutto il mondo. Per festeggiare questo anniversario, Lancia ha scelto di tributare un omaggio al cinema in qualità di main sponsor della 63. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Innovazione, soluzioni tecniche originali, materiali e finiture di pregio, classe, raffinatezza e prestazioni: questa la ricetta del successo di Lancia che, unendosi al più importante evento culturale italiano, ribadisce ulteriormente il proprio impegno nell’affermazione dei valori del Made in Italy.

Del resto, il rapporto tra Lancia e il cinema è strettissimo e risale agli inizi del secolo scorso: “Se modelli di automobile, e di Lancia in particolare, già presenti nel primo cinema muto torinese possono considerarsi aiutanti magici dell’ascesa del grande divismo italiano femminile e maschile, come nell’opera di Emilio Ghione che usava le Lancia nei suoi film, è con il cinema degli anni Trenta e in particolare con quello dei cosiddetti telefoni bianchi che questo tipo di vettura viene scelta per accompagnare, da una parte, i sogni degli italiani “oltre la soglia delle mille lire al mese”, e dall’altra per costituire quasi la chiave d’accesso alla modernità”. Anche più recentemente, le auto Lancia sono state co-protagoniste di film di grandissimo successo. Dagli anni ’50 ad oggi i modelli della casa torinese sono apparsi sugli schermi molto frequentemente. In alcuni casi hanno segnato lo stile e l’iconografia di alcuni particolari periodi. Al dopoguerra italiano fa riferimento la serie di film tratti dai romanzi di Guareschi dove ne “Il piccolo mondo di Don Camillo” del 1952 appare una Lancia Astura, vettura elitaria e prestazionale prodotta negli anni ’30. Ne “I soliti Ignoti” del 1958 compare una Lancia Aurelia B10 che ha costituito, dopo il periodo bellico, la riconferma della filosofia della Marca e da cui dipende in linea diretta l’Aurelia B24 convertibile, protagonista nel 1962 de “Il sorpasso” di Dino Risi interpretato da Catherine Spaak, Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant e sicuramente vettura di maggior riferimento del cinema italiano.

Pagina 1 di 1

APPROFONDIMENTI

Gallery associata: Lancia Ypsilon Centenario
Altri articoli in Eventi